martedì 6 dicembre 2016

Donna, madre e poetessa. Elena Gerasi Sulla pelle

Non c'è più grande soddisfazione che fare un'ottima recensione. Dopo Fabio Amato è il turno di Elena Gerasi. Ragazza colta, bella e intelligente (un po' come la Emma austeniana) la scrittrice o meglio la poetessa in questo libro oltre che far fare sospiri dicendo mamma che brava incanta con la sua visione del mondo. Sulla pelle è un gioiello letterario uscito con la Albalibri. 11 settembre le Torri Gemelle vengono viste come due candele che si sciolgono di schianto divampando terrore. Complimenti per come ha interpretato un dramma Storico. Ma le poesie di Elena Gerasi non sono solo pensieri in libertà. Sono vere e proprie riflessioni di un passato vissuto ma anche di un presente responsabile come la poesia Mia figlia scritta con uno stile perfetto e impeccabile dove non c'è solo il rapporto madre-figlia ma anche il cammino della vita nell'essere umano.
Elena Gerasi ha scritto un libro magnifico, colto e profondo che va letto piano piano. Assaporato lentamente giorno per giorno. Un libro che se letto oggi dà tante risposte. Leggendo le sue poesie è come dialogare con lei davanti a una tazza di tea in quel clima di serenità e pace. Una cosa è certa. Nel libro di Elena si scopre una donna riflessiva ma anche equilibrata, pacata, Libro pieno di emozioni nelle parole non messe a caso ma con una cura di ricerca di vocaboli si può solamente dire che questa poetessa raggiunge lo splendore nella sua arte impeccabile poetica.
Un libro che dovrebbe essere letto almeno una volta nella vita. Un gioiello che rimane impresso nella mente del lettore.
Complimenti Elena. Per me è un sì.

Nessun commento:

Posta un commento